• diminuisci dimensione carattere
  • diminuisci dimensione carattere
  • aumenta dimensione carattere
  • dimensione carattere
 Primopiano » Domenica 10 settembre la Chiesa di Pavia in festa per monsignor Paolo Magnani 

Domenica 10 settembre la Chiesa di Pavia in festa per monsignor Paolo Magnani   versione testuale

Alle 17.00 in Duomo la solenne concelebrazione per il 40° anniversario di ordinazione episcopale del vescovo pavese


Domenica 10 settembre la comunità della Diocesi di Pavia festeggerà monsignor Paolo Magnani, vescovo pavese originario di Pieve Porto Morone, nel 40esimo anniversario della sua ordinazione episcopale.
Alle 17.00 mons. Magnani presiederà, in Cattedrale, una solenne concelebrazione alla quale parteciperanno anche mons. Vittorio Lanzani, vescovo pavese delegato della Fabbrica di San Pietro, il nostro vescovo Corrado Sanguineti, il vescovo emerito Giovanni Giudici e mons. Andrea Migliavacca (vescovo pavese alla guida della Diocesi di San Miniato).
A questo grande momento diocesano sono invitati tutti i sacerdoti della Diocesi di Pavia, i religiosi e le religiose, i seminaristi e, naturalmente, tutti i fedeli.
Monsignor Paolo Magnani è nato a Pieve Porto Morone il 31 dicembre 1926. Ordinato sacerdote il 29 giugno 1951, nella Diocesi pavese ha, tra l’altro, occupato importanti incarichi quali quelli di docente e rettore del Seminario vescovile, e di vicario generale.
Eletto vescovo di Lodi il 27 luglio del 1977, è stato poi ordinato vescovo a Pavia il 10 settembre dello stesso anno.
E’ stato successivamente trasferito alla sede vescovile di Treviso il 19 novembre 1988, diventando vescovo emerito della Diocesi veneta dal 18 gennaio del 2004.

Il rito fu presieduto dal cardinale Antonio Poma
Come si legge sulle pagine de “il Ticino” di 40 anni fa, a presiedere il rito nel “pomeriggio radioso di sabato 10 settembre in una Cattedrale gremita di fedeli” fu il cardinale pavese Antonio Poma (nativo di Villanterio), arcivescovo di Bologna e presidente della Cei (la Conferenza episcopale italiana), “legato al vescovo mons. Magnani da vincoli di particolare stima ed amicizia.
Fu lui, infatti, negli anni in cui fu rettore e professore del Seminario, a scoprire nel giovane chierico spiccate doti di intelligenza e di virtù sacerdotali che lo avrebbero reso un fedele e prezioso ‘servitore’ della Chiesa pavese in posti di alta responsabilità”.
Sull’edizione de “il Ticino” di sabato 17 settembre 1977, si può leggere una dettagliata cronaca dell’ordinazione episcopale di mons. Paolo Magnani: “Preceduti dalla Croce e dalla lunga teoria di seminaristi di Lodi e di Pavia, si sono appressati all’altare i 70 sacerdoti lodigiani e pavesi concelebranti, gli assistenti del consacrando – monsignor N. Staffieri di Lodi e il prof. don Comini di Pavia – il vescovo eletto, i vescovi mons. Bernardo Citterio, ausiliario di Milano, Mario Rossi, vescovo di Vigevano, Luigi Maverna, segretario della Cei, Diego Parodi, vescovo di Ischia, Attilio Nicora, rappresentante del Cardinale di Milano, Ernesto Civardi, arcivescovo, Antonio Angioni, vescovo di Pavia, e Giulio Oggioni, vescovo di Bergamo e S. Em. il card. Poma, arcivescovo di Bologna e presidente della Conferenza episcopale italiana.
Fra i concelebranti anche mons. Virginio Noè, maestro delle cerimonie pontificie, e mons. Luigi Belloli, già rettore del Borromeo a Pavia e ora rettore del Pontificio Seminario Lombardo a Roma”. Fu una celebrazione che coinvolse pienamente la comunità diocesana pavese che, quarant’anni dopo, si ritroverà per fare festa a monsignor Paolo Magnani. 

stampa pagina segnala pagina condividi