• diminuisci dimensione carattere
  • diminuisci dimensione carattere
  • aumenta dimensione carattere
  • dimensione carattere
 Curia » Servizio per la pastorale liturgica 

Servizio per la pastorale liturgica   versione testuale

Responsabile: don Nicolas Sacchi
Segretario: don Riccardo Santagostino Baldi
Musica Sacra: sac. Antonio Montanari
Tel.: 0382.386511
Fax: 0382.386530
e-mail: segreteriavescovo@diocesi.pavia.it


1 - Il servizio ha il compito di coadiuvare il Vescovo nell'esercizio della missione che gli è propria come moderatore, custode e promotore della vita liturgica in diocesi (cf Christus Dominus, 15) e fa riferimento agli orientamenti espressi dal Sinodo, in particolare nel capitolo IV.

2 - Nella realizzazione delle sue finalità il servizio opera in diversi ambiti e con diverse modalità.
a) Innanzitutto cerca di promuovere la conoscenza dei documenti del Magistero in materia liturgica, l'attuazione della riforma liturgica in conformità alle direttive del Concilio Vaticano II e dei documenti postconciliari, la qualificazione degli operatori di pastorale liturgica (mediante corsi per animatori, settimane liturgiche, convegni di studio e di aggiornamento…).
b) Da un punto di vista più specifico, il servizio segue la formazione dei ministri straordinari dell'Eucaristia, elabora sussidi per l’anno liturgico e per circostanze particolari, cura le celebrazioni particolarmente significative per la diocesi, predispone il calendario liturgico diocesano.
c) Nell’ambito particolare dei beni artistici, collabora con l'ufficio per i beni culturali ecclesiastici affinché siano osservate le prescrizioni riguardanti i luoghi, le suppellettili, gli arredi sacri, la custodia delle reliquie, la costruzione e la conservazione degli organi.
d) Per quanto riguarda la musica sacra e il canto, il servizio avvia iniziative per aiutare la conoscenza delle direttive ecclesiastiche, l’aggiornamento dei repertori dei canti liturgici per il popolo e per le “scholae”, il rapporto con i responsabili della musica (organisti, direttori…) e del canto (“scholae”, animatori liturgico-musicali...), l’attuazione dei concerti nelle chiese con il rilascio del relativo nulla osta per la loro esecuzione.

3 – Il servizio si mantiene in rapporto con gli uffici analoghi in sede regionale e nazionale.
 

stampa pagina segnala pagina condividi